Con Finardi la magia dell’inconscio in musica!

Spendida serata nella magnifica cornice della Piazza delle Feste, in Area porto Antico, dove Eugenio Finardi ha saputo regalare al pubblico momenti di intensissima emozione.
Dai suoi cavalli di battaglia, “Nuovo umanesimo”, “Uno di noi”, “Le ragazze di Osaka”, “La radio”, “Extraterrestre”, “Non è nel cuore” ai classici del cantautorato italiano, “I giardini di marzo” di Battisti, e statunitense, “Summertime” con la quale esordì a undici anni davanti al pubblico di un concorso canoro di San Remo.
La musica si è mescolata alle parole e al racconto e ha confermato Finardi un artista che sa parlare all’anima della gente.
Nuovo appuntamento questa sera, domenica ore 21,30 Piazzale delle Feste – Genova, con Mimmo Locasciulli che da quasi tre decenni, in ogni sua “performance” dal vivo conserva le caratteristiche di un artista che non si risparmia mai.
Due ore di concerto intensissimo, romantico e coinvolgente, in cui vengono proposte le canzoni tratte dai suoi più celebri album, da “Intorno a trent’anni” a “Sognadoro” da “Tango dietro l’angolo” ad “Aria di famiglia”, da “Piano piano” a “Sglobal”, fino all’ultimo “Idra”.

EugenioFinardi_Genova2013_videobox-002

EugenioFinardi_Genova2013_videobox-011

EugenioFinardi_Genova2013_videobox-016